IPhone6_black_frontface

iPhone 6 – La mia Migliore Configurazione

Tempo fa ho scritto un articolo simile dedicato ad android, oggi tocca ad iOS.

Se android può essere personalizzato fino all’osso non si può dire lo stesso di iOS, se già parliamo di bootlogo, quello di iOS è cifrato nel filesystem chissà dove.

Premessa fondamentale a questo articolo è il jailbreak, senza il quale, così come senza root per android, nulla si può fare. Non ho molta fiducia negli ultimi metodi di jailbreak sviluppati in cina ma visto che non ho scelta mi arrendo a keylogger, tracciatori e quanto altro in nome della libertà di accesso al filesystem. iOS 9.0.1 sarà il nostro sistema in analisi.

Non ci sono per iphone modifiche riguardanti l’interazione del sistema con l’hardware, non ci sono overclock, underclock, undervoltage, governor, niente di niente, il kernel è intoccabile, si può giocare sul filesystem e sulle funzioni di iOS, mi limiterò a questo nel post.

A differenza del root di android il jailbreak di iOS presenta un unico sistema centralizzato di gestione delle modifiche (i cosiddetti “tweaks”), Cydia, una piattaforma presente da ormai tantissimo tempo nella scena jailbreak, direi fondamentale senza la quale il jailbreak stesso non avrebbe senso.

Cos’è Cydia e cosa può fare?

  • Front-end del famossisimo apt-get (ricordiamo che iOS è basato su Darwin OpenBSD).
  • Offre la gestione rapida delle repository dei tweaks.
  • Offre un’ interfaccia intuitiva per l’aggiornamento e la gestione dei tweaks installati.

Occupiamoci quindi delle personalizzazioni, partiamo dalla lockscreen, l’interfaccia che compare a schermo bloccato prima dello sblocco:

Seguo un grande artista su tumblr, dvdp , e devo dire che le sue animazioni mi hanno sempre affascinato al punto di volerle nella mia lockscreen, eccone alcuni esempi di lavori completati:

IMG_0165

Per avere lo stesso risultato vi occorrono alcuni tweaks:

  • AnimateAll, per impostare una .gif (esplosa) nella lockscreen.
  • GRAND LS iP6, un orologio in html da impostare sulla lockscreen.
  • LockHTML 4, il plugin per mostrare l’html dell’orologio nella lockscreen.
  • HideMeX, per pulire l’interfaccia utente di iOS da fronzoli inutili (servirà anche altrove).
  • Apple File Conduit “2”, per abilitare il browsing del filesystem di iOS da pc.
  • iFile, per abilitare il browsing del filesystem di iOS dal cellulare stesso.
  • BioBoot, per abilitare il Touch ID al primo boot e dopo i respring. [Opzionale]
  • VirtualHome,  per assegnare funzioni rapide al Touch ID. [Opzionale]
  • F.Lux, per dare una gamma di colori allo schermo che non affaticano gli occhi di notte. [Opzionale]

Oltre a questi tweaks bisogna preparare la gif da usare nella lockscreen, bisogna scompattarla frame per frame (necessariamente png) e ridimensionarla per il proprio dispositivo (usate “GifSplitter” e “FSresizer”).

Un consiglio è non scegliere gif molto lunghe con tanti frame, accontentatevi di 20-30 frame e comprimeteli per facilitare le letture dalla memoria, potete usare “pngyu compressor” per ridurne la grandezza.

Ottenuta quindi una cartella con file da 0.png a N.png, potete copiare questa carella in:

/Library/BootLogos/

Aprite AnimateAll dalle impostazioni e scegliete la vostra animazione, poi abilitatela nella lockscreen ed effettuate un respring, giocate con i due selettori per decidere la velocità dell’animazione.

Al riavvio avrete l’animazione impostata.

Nel caso il vostro dispositivo dovesse finire in un loop di riavvii vi basta tenere premuto il tasto “volume -” mentre è in corso un riavvio per disabilitare tutti i tweaks di cydia e mettere riparo ad eventuali problemi.

Ora settiamo l’orologio, dalle impostazioni aprite LockHTML 4 e nella sezione widget cliccate su uno dei GRAND LS che compaiono, fanno tutti la stessa cosa, a differenza del testo più o meno trasparente che avranno. Attivate anche lo switch “Attiva HTML”. Vari settaggi vi permetteranno di impostare come l’orologio si comporterà a seconda delle notifiche o di altri eventi di sistema, date uno sguardo per scoprire queste funzioni.

Bloccate e andate alla lockscreen, lo troverete là. Ho tradotto il mio, ecco il motivo delle differenze di testo che noterete rispetto al video sopra.

Ultimo passo per la lockscreen, puliamola dagli elementi grafici inutili, aprite HideMeX:

  • Nella sezione lockscreen togliete tutti i grabber, lo slide to unlock, l’icona della camera e l’orologio di sistema.
  • Nella sezione statusbar togliete il logo operatore.

Siete ad un respring dal completamento.

Godetevi il risultato.

Occupiamoci ora della springboard, la home. Nel mio caso ho tolto, con HideMeX, tutte le scritte sotto le icone, tutte le istanze di spotlight, e gli indicatori delle pagine.

Ho aggiunto nella dock una sezione nascosta con il tweak “Infinidock”, e sostituito il control center con una grande alternativa che ingloba control center e app switcher, “Lylac”. Nel control center inoltre ho abilitato molti altri toggles per funzioni rapide grazie al tweak “FlipControlCenter”.

Alcuni screen e video:

Nei video non viene mostrato il tweak “VirtualHome”, che permette di associare azioni rapide allo sfioramento del Touch ID, personalmente ho settato in questo modo:

  • Uno sfioramento non produce azioni.
  • Uno sfioramento prolungato simula la pressione del tasto Home.
  • Uno sfioramento rapido ed uno prolungato simulano la pressione del tasto di accensione-blocco.
  • Due sfioramenti rapidi portano all’apertura dell’app switcher.

Per quanto riguarda l’app switcher grazie a Lylac viene aperto insieme al control center strisciano il dito dal basso verso l’alto, sgravando il tasto home da numerose pressioni quotidiane.

Grazie a VirtualHome è possibile abilitare una funzione di wake-up a dispositivo con schermo spento semplicemente sfiorando il Touch ID, risparmiano pressioni sui tasti e prolungandone la loro vita media a discapito del consumo di batteria dovuto al sensore di impronte sempre attivo. Considerando il numero esagerato di tasti che ho sostituito vi consiglio di abilitare questa funzione.

Una copia del mio sfondo:
IMG_0027

Idee, consigli? Fatevi sentire nei commenti!

Rispondi